Una fine e un inizio

Dopo quella notte tutto cambiò… Tutti noi cambiammo…

Camila venne colta da un panico senza precedenti, nessuno riusciva a scuoterla da quel torpore che sembrava essersi impossessato di lei, non usciva più, e a stento mangiava qualcosa, principalmente si limitava a stare davanti al camino, lo sguardo fisso nel vuoto… Solo ogni tanto portava la sua attenzione su un vecchio libro ormai logoro che teneva aperto sulle ginocchia, anche se dubito leggesse realmente quello che vi era scritto…

Io restavo ad osservarla dallo stipide della porta a braccia conserte, cercando di capire a cosa stesse pensando… Ma per quanti sforzi facessi, vi era un muro insormontabile nella sua testa. Ero solita alzarmi presto, appena dopo il tramonto, cacciavo nei vicoli più malfamati della città, come avevo fatto prima del mio incontro con Camila, ma capivo che era cambiato qualcosa in me, sebbene ancora al tempo non riuscivo a capire con esattezza cosa. Da subito insegnai al mio infante come cacciare, e sopratutto a come doveva farlo da solo… Per entrambi era un sollievo credo, avere questi piccoli momenti di intimità… Almeno per me. Ogni volta che lo guardavo pensavo che se avessi agito in modo differente lui sarebbe morto, o forse sarebbe ancora nelle taverne con un calice di vino in mano ad intrattenersi con una bella donna… Mi chiedevo se avessi fatto la scelta giusta, ma era troppo tardi per i ripensamenti, soltanto con il tempo avrei potuto sostenere di aver avuto ragione… Non ebbi mai il coraggio di chiedergli cosa pensava, e ormai la sua mente mi era preclusa per sempre, era come se mischiando il nostro sangue si fosse creato un legame indissolubile tra di noi…

Esteban invece sembrava affascinato da tutto, e sapevo che era così, soltanto poco tempo addietro io avevo provato le sue stesse sensazioni… Si svegliava quando ormai le tenebre avevano invaso le strade di Toledo, si nutriva come gli avevo insegnato di fare… Ma per il resto continuava a frequentare le vecchie taverne e a intrattenersi con chi riteneva più adeguato, vantandosi più che mai del suo fascino che ancor di più attraeva sia donne che uomini, e andando in giro a fare lo sbruffone con tutti.

Passarono molti mesi, poi tutto mutò nella maniera più naturale possibile. Esteban voleva una casa tutta per se, e io dovevo trovare un modo per scuotere Camila, così in accordo io e lui decidemmo che la casa restasse a lui, mentre io e Camila avremmo intrapreso un viaggio che avrebbe toccato dapprima l’Europa, con le sue vecchie città, e poi il nuovo mondo che tanto l’affascinava… E in seguito segretamente cullavo il desiderio di portarla nella mia antica terra…

Quando tutto fu pronto ci salutammo…

Non sapevo se avrei più rivisto il mio giovane e irresponsabile infante, ma sapevo che si sarebbe messo nei guai una notte o l’altra… Gli lasciai abbastanza soldi e gemme per vivere con le agiatezze che più riteneva necessarie, il pianoforte, che dubito abbia mai toccato in tutta la sua vita immortale, alcuni libri, un piccolo diario di tutto quello che avevo fatto e quello che avevo appreso da sola, non volevo lasciarlo cieco in questo nuovo mondo…


E infine in una scatola di legno di ciliegio gli lasciai una spilla di giada a forma di libellula.

Partimmo…

Io e Camila attraversammo la Francia, facendo visita a Parigi, Lione, Bordeaux, Louvre… E poi volgemmo il nostro sguardo all’Italia, Milano, Firenze, Roma… Per poi dirigerci in Grecia, e risalire il continente verso la Russia, spingendoci fino l’India… Ma forse sto correndo troppo…

Successero molte cose, importanti e non che forse vale la pena rivivere e raccontare.

La nostra prima tappa fu la Francia…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: